La storia di Luigi

Sessione individuali e di gruppo: “Qualche volta nella vita arriva il momento di fare un bilancio.
Di solito si fa a causa un evento spiacevole, una perdita o la paura di una perdita.
Per me la scoperta del Feldenkrais ha coinciso con una di queste paure.
Quello con il Feldenkrais è stato un incontro casuale, io, profano ma un po’ diffidente e sospettoso, tramite passa parola sono andato per provare una “lezione” e lì ho trovato una “cosa” che sento che mi fa bene.

Questa “cosa”, il Feldenkrais, al momento non riuscirei a definirla altrimenti, perché per me è un’esperienza assolutamente nuova, anticonvenzionale, forse anche un po’ misteriosa, ma sicuramente fonte di benessere fisico ed ancor prima psicologico.  Ogni movimento è minimo, viene eseguito con cura e con una certa sapienza. 

L’essermi accostato a questa “cosa” ha prodotto subito in me il piacere della sorpresa e della scoperta, la scoperta di un benessere inatteso, sottile e penetrante, sia a livello osseo che muscolare.

Un benessere che si protrae nel tempo e che mi accompagna negli spazi della mia vita. Sono stato sempre un po’ preoccupato, anche  di invecchiare velocemente, ma oggi, con i miei primi 63 anni, mi sento nuovamente in grande forma: sento di aver riavviato la macchina, sento la batteria nuovamente in ricarica, sento le energie tornare.

 

Questi piccoli, a volte microscopici, movimenti, accompagnati da una sana respirazione che finalmente si riscopre in modo semplice e naturale, questi piccoli movimenti a terra, guidati da Caterina, sono un po’ come i cavetti che utilizziamo per la macchina quando la batteria si è scarica e dobbiamo ripartire.  Si rimette in moto il sistema, ci si sente in forma, nuovamente carichi e concentrati, pronti a ripartire, ma senza più (inutili) strappi al motore.

 

Insomma, se la vita deve essere un viaggio, facciamoci accompagnare da chi il motore lo conosce. Caterina è un po’ come un meccanico: con un cacciavite in mano fa miracoli e potresti ripartire, certamente non volare, ma viaggiare, gentilmente, …senza strappi al motore. Il testo di Battisti dice  molto meglio di me cosa è il Feldenkrais.

Luigi


Gli ultimi articoli del blog

Vuoi continuare a spendere soldi nella tecarterapia?
Nei miei primi tirocini da fisioterapista e nelle primissime esperienze di lavoro mi è capitato di usare i macchinari laser,[...]
Fisioterapia integrata: guarigione fisica ed emotiva con Somatic Experiencing
La fisioterapia è una professione sanitaria complessa che abbraccia i più svariati campi da quello ortopedico a quello neurologico, viscerale,[...]
Non solo feldenkrais: il cammino come esercizio muscolare
L'embodiment, cioè la presenza nel corpo, la connessione profonda del nostro corpo-mente-spirito o l'interocezione, se preferisci un termine più scientifico,[...]
Mindfulness o respirazione? Cosa funziona meglio per stress e ansia?
Ti interessano le tecniche di respirazione e la mindfulness?Questo articolo fa per te!Seguilo fino in fondo per trovare anche la[...]
Fibromialgia, ridurre i sintomi con Feldenkrais e Somatic Experiencing
Quando ho cominciato a studiare fisioterapia, la fibromialgia era una malattia misteriosa, quasi sussurrata, molti non credevano nemmeno alla sua[...]
Un esercizio solo non guarisce lo stress
Mentre questo argomento dello stress cronico, del trauma e dell’embodiment sta diventando  sempre più presente e diffuso nei media, si[...]
Vuoi inviare o condividere questo articolo? Puoi farlo da qui